[GUIDA FAI DA TE]: I 7 passi per registrare un marchio in Italia

Devi registrare un marchio in Italia? Questo articolo ti darà una guida definitiva in 7 passi che potrai mettere in pratica in modo semplice. Registrare un marchio in Italia non è mai stato così facile…

 

PASSO 1: Ricerca di anteriorità in Italia

Iniziamo dalla ricerca di anteriorità. Questo passo, facoltativo ma fortemente consigliato, ti consentirà di verificare se qualcuno ha già registrato un marchio uguale (o troppo simile) al tuo. Se così dovesse essere, allora hai un problema…

Questo perché il possessore del marchio già registrato potrebbe opporsi alla registrazione del tuo marchio, e potrebbe addirittura farti causa per risarcimento danni. Ecco perché è consigliabile fare una ricerca di anteriorità PRIMA di provare registrare il tuo marchio.

Come si fa la ricerca di anteriorità? Semplice, vai sulla banca dati dell’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) e inserisci il nome del tuo marchio. Dai risultati della ricerca riuscirai a vedere se qualcuno lo ha già registrato.

Ma non finisce qua… Potresti ricevere opposizione anche se il tuo marchio è TROPPO simile ad un’altro marchio già registrato, anche se non sono uguali. Per evitare questo problema, ti consiglio di verificare diverse varianti del tuo marchio (ad esempio plurale/singolare, maschile/femminile, sostituzione di consonanti, eliminazione di lettere, ecc.). Cerca quindi eventuali varianti del tuo marchio, tenendo presente che se ne trovi qualcuna già registrata, sarai a rischio di ricevere opposizione nel caso tu tentassi di registrare comunque il marchio. La ricerca di anteriorità andrebbe fatta con molta meticolosità.

Il tuo marchio include anche degli elementi grafici? Segui questi consigli.

Continua a leggere